ARTICOLO NOVANTANOVE - Associazione per il Dialogo sociale

Vai ai contenuti
Webinar
“Piattaforme digitali e democrazia. Governance delle tecnologie e libertà.”

CNEL - Parlamentino
Roma, 16 novembre 2021

Clicca sull'immagine per vedere la registrazione dell'evento.
25 aprile Festa della Liberazione.
Senza memoria non c'è futuro.

..."Il 25 aprile è, per l’Italia, una ricorrenza fondante: la festa della pace, della libertà ritrovata, e del ritorno nel novero delle nazioni democratiche. Quella pace e quella libertà, che - trovando radici nella resistenza di un popolo contro la barbarie nazifascista - hanno prodotto la Costituzione repubblicana, in cui tutti possono riconoscersi, e che rappresenta garanzia di democrazia e di giustizia, di saldo diniego di ogni forma o principio di autoritarismo o di totalitarismo”…
Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia in occasione del 79° anniversario della Liberazione. (quirinale.it)


intervento

video
Leggere o ascoltare, meditare, agire
CALENDARIO EVENTI
MAGGIO 2024
lu
ma
me
gi
ve
sa
do


1
2
3
4
5
67
8
91011
12
13
14
15
16
17
1819
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31









Webinar
di presentazione
Roma, 3 marzo 2020


Clicca sul libro per vedere la registrazione dell'evento.
Assemblea Generale Soci di Articolo Novantanove
Memoria e lungimiranza nel saluto istituzionale
del Presidente Renato Brunetta
all'Assemblea Generale dei Soci di Articolo Novantanove
CNEL - Sala "Meuccio Ruini" - 19 febbraio 2024

…Sono felice di accogliervi qui oggi. Voi siete la memoria storica di questa casa che è anche la mia casa, avendola vissuta per due consiliature ai tempi della presidenza De Rita, negli anni ’90. …  Oggi sono nuovamente qui, con la volontà di fare del Cnel la casa dei corpi intermedi perché è nella società civile che possono essere trovate le risposte più efficaci alle grandi trasformazioni in atto.(comunicato stampa CNEL)
“Guardare con Occhi Nuovi: Oggi è già il Domani”
È il filo conduttore, per consapevolezze maturate nella “casa”, delle linee del Programma di attività 2024 dell’Associazione approvato all’unanimità dall’Assemblea che verrà, nell’approccio e nei tempi, declinato negli Organi esecutivi. “La epocale transizione, di questo si tratta, non è un processo istantaneo ed immutabile. È impervia. Il Dialogo Sociale ne è il “nutrimento” come determinante nei processi di formazione, scelta e verifica di molteplici decisioni, per un consapevole consenso di cittadini e comunità”.  (Programma attività 2024)
In apertura lavori l’Assemblea ha ricordato Gabriele Olini, già Consigliere Cnel e proprio Socio
Seminario

"Il lavoro nell'epoca
della Machina sapiens.
Comprendere e governare".


CNEL - Sala Gialla

Roma, 23 maggio 2018
"Sostenibilità nel XXI secolo è Progresso - Sfida per la Democrazia"
Assemblea generale Soci Articolo Novantanove del 22 giugno 2022

Già nel 2015 Articolo Novantanove era dell’avviso che occorresse “passare da un mondo fondato sulla quantità ad un mondo che assuma come valore la qualità: della vita, dei rapporti tra gli uomini, dei rapporti tra l'uomo ed il pianeta” e divenne il mantra del suo agire.
Siamo ora nel 2022: il quadro geopolitico è stato radicalmente modificato dalla guerra della Russia contro l’Ucraina, dalla pandemia Covid-19 e dalla rivoluzione digitale, ma non ha mutato la centralità della sostenibilità anzi l’ha esaltata, pur ridefinendo interazioni e valenza delle sue componenti: ambientale, economica, sociale, istituzionale.
Le accelerate transizioni nelle quali siamo immersi incidono infatti in crescente profondità nei modelli di produzione e di consumo, ormai da iscrivere ad un tempo che non è più.
E non si possono poi trascurare ulteriormente la loro equità nell’accesso e nella fruizione, avendo presente la dinamica demografica a livello Paesi e Continenti.
Transizioni tutt’altro che indolori ed i cui effetti si palesano, quindi, di lunga durata e ci impegnano a ridefinire qualitativamente e quantitativamente la concezione del benessere - e della felicità - a cui fisiologicamente aspira per sua natura ogni persona, ogni comunità fino a livello globale.
In tale divenire il consenso sociale e la tenuta delle istituzioni, in una democrazia partecipata, sono allora vitali.

ANSA - NEWS
ANSA - ECONOMIA
PER UNA SCUOLA APERTA AL FUTURO CHE FORMA E SI AUTORIFORMA
Verso l'anno scolastico 2021/2022

Secondo il dettato costituzionale lo Stato deve rimuovere ogni ostacolo che impedisca «il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese».
L’affermazione chiama in causa in particolare l’art. 34 che stabilisce il diritto universale all’istruzione, «La scuola è aperta a tutti», definendo gli obiettivi di un’istituzione pubblica il cui compito essenziale è quello di garantire a ogni cittadino il diritto all’educazione ed all’esercizio consapevole della cittadinanza.
Quindi la scuola è un pilastro insostituibile per la formazione dell’individuo, per la sua crescita professionale e sociale, per lo sviluppo economico del Paese. Si sono spese in proposito innumerevoli analisi e fiumi di parole in analogico ed in digitale.
Ma come sta funzionando la scuola?


ANSA - EUROPA
Indirizzi per una politica abitativa attenta ai bisogni dei longevi
Le proposte di Articolo Novantanove
Nel volgere di pochi decenni un terzo della popolazione avrà una età superiore ai 65 anni. Si tratta di un mutamento profondo di cui ancora non percepiamo le implicazioni. L'allungamento della vita porta a guardare con occhi più positivi la stagione dell'invecchiamento, tuttavia non si può non prendere atto che in prospettiva saranno crescenti i problemi derivanti da una quota di popolazione sempre meno autonoma nelle sue funzioni più elementari.
In questa prospettiva un tema di grande rilievo e di grandissima attualità, secondo Articolo 99 – Associazione per il dialogo sociale, è sicuramente la condizione abitativa degli anziani in rapporto al loro diritto di poter invecchiare nella propria abitazione.
Come indica l’OMS nella sua guida per “Citta amiche degli anziani” e il rapporto “Anziani e casa nell’unione Europea” a cura dell'Osservatorio Europeo del Social Housing, per rispondere positivamente a questa esigenza è necessario ripensare profondamente le relazioni degli anziani con la casa e il contesto di quartiere in quanto è sui caratteri di queste relazioni che si fonderà in futuro la qualità della vita nella terza e quarta età.

ANSA - AMBIENTE
Torna ai contenuti